Riccardo Cocciante – Bella

Bella, la parola bella è nata insieme a lei
Col suo corpo e con i piedi nudi lei
E un volo che afferrerei e stringerei
Ma sale su l’inferno a stringere me
Ho visto sotto la sua gonna da gitana
Von quale cuore prego ancora notre dame
Cè qualcuno che le scaglierà la prima pietra
Sia cancellato dalla faccia della terra
Volesse il diavolo la vita passerei
Con le mie dita tra i capelli di Esmeralda.

Bella, è il demonia che si è incarnato in lei
Per strapparmi gli occhi via da Dio lei
Che ha messo la passione e il desiderio in me
La carne sa che Paradiso è lei
cCè in me il dolore di un amore che fa male
E non mi importa se divento un criminale lei
Che passa come la bellezza più profana
Lei porta il peso di un’atroce croce umana
Oh Notre Dame per una volta io vorrei
Per la sua porta come in Chiesa entrare in lei.

Bella, lei mi porta via con gli occhi e la magia
E non so se sia vergine o non lo sia
Cè sotto Venere la donna sua lo sa
Mi fa scoprire il monte e non l’aldilà
Amore adesso non vietarmi di tradire
Di fare il pazzo a pochi passi dall’altare
Chi è l’uomo vivo che potrebbe rinunciare
Sotto al castigo poi di tramutarsi in sale
O fiordaliso vedi non c’è fede in me
Vedrò sul corpo di Esmeralda se ce n’è

Ho visto sotto la sua gonna da gitana
Con quale cuore prego ancora notre dame
C’è qualcuno che le scaglierà la prima pietra
Sia cancellato dalla faccia della terra
Volesse il diavolo la vita passerei
Con le mie dita tra i capelli di Esmeralda.